Azienda Sanitaria Provinciale di Enna

 
Sei qui: Home Servizi online Tempi liste di attesa Criteri formazione liste di attesa

Criteri formazione liste di attesa

L’Azienda Sanitaria Provinciale di Enna garantisce al cittadino prestazioni di assistenza specialistica e di ricovero, per accedere alle quali si possono determinare delle liste di attesa, più o meno consistenti, in funzione dell’offerta e della domanda.

Riguardo alle prestazioni specialistiche ambulatoriali, al fine di una corretta e trasparente informazione sui tempi di fruibilità, mensilmente sono pubblicate sul sito web istituzionale dell’ASP le liste di attesa per ogni prestazione specialistica ambulatoriale offerta.

È indicata la prima disponibilità, su base aziendale, per una determinata prestazione, calcolata di norma con riferimento alla data del primo giorno del mese in considerazione e con l’indicazione di tutti i punti di erogazione della prestazione, su tutto il territorio dell’Azienda.

Il sistema di accesso alle cure è strutturato per classi di priorità, connesse della diversa gravità delle condizioni di salute del richiedente la prestazione (Fonte normativa: Decreto Assessoriale n. 1220 del 30/06/2011 “Piano regionale per il governo dei tempi di attesa per il triennio 20112013”).

Le classi di priorità clinica sono 4: U  urgente da erogarsi entro 72 ore dalla richiesta B  breve da erogarsi entro 10 giorni dalla richiesta D  differibile da erogarsi entro 30 giorni dalla richiesta per le visite ambulatorialied entro 60 giorni per le prestazioni di diagnostica strumentale P  programmabile da erogarsi entro 180 giorni dalla richiesta.

La classe di priorità deve essere obbligatoriamente riportata nell’apposita sezione della ricetta SSN (rossa o dematerializzata) redatta dal Medico Prescrittore, che indica il codice di priorità sulla scorta delle condizioni cliniche rilevate nel paziente, al fine di assicurare l’appropriatezza del percorso da seguire.

L’ASP deve garantire, su base aziendale, la fruibilità della prestazione nel tempo previsto dalla tipologia di codice e, quindi, la prima disponibilità in uno qualsiasi dei punti di erogazione di quella determinata prestazione. I pazienti con uguale livello di priorità sono trattati secondo l’ordine cronologico di prenotazione.

Tuttavia, poiché le norme fanno salva comunque la libera scelta del cittadino, egli può rifiutare la prima disponibilità e, in questo caso, la prenotazione non rientra più nella garanzia dei tempi di attesa.

Riguardo alle prestazioni di ricovero, in fase di prenotazione anche per queste sono previste dal sopra citato Dectreto Assessoriale le classi di priorità: A - entro 30 giorni, B - entro 60 giorni, C - entro 180 giorni, D - entro 12 mesi.

Gli elementi che vengono presi in considerazione per l’individuazione di priorità cliniche sono: la severità del quadro clinico presente, la prognosi, la tendenza al peggioramento a breve, la presenza e l’entità di dolore e/o di deficit funzionale, altre specifiche caratteristiche del paziente riferite compiutamente dal Medico Prescrittore.

Le prenotazioni, in attesa che venga istituita una procedura informatizzata, sono registrate in un registro delle liste di attesa di reparto, sotto la diretta responsabilità del Direttore dell’Unità Operativa.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk