• Presa in carico comunitaria • Progetto Terapeutico Individualizzato (PTI) • Budget di Salute

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Il Piano Strategico Regionale per la Salute Mentale ha fornito alcuni elementi metodologici e di politica socio-sanitaria ben precisi parlando di:

Presa in carico comunitaria

Progetto Terapeutico Individualizzato (PTI)

Budget di Salute

Per contrastare e prevenire gli esiti invalidanti delle malattie, alcuni dei quali possono essere imputati a metodi e protocolli di cura inappropriati (si consideri, in proposito, l'ampia letteratura sulle conseguenze invalidanti dell'istituzionalizzazione protratta), è necessario implementare azioni e strumenti, non solo inerenti alla malattia (“prestazioni di cura”) ma attivare interventi   ricostruttivi e di valorizzazione dei contesti ambientali, sociali e relazionali.

Il PTI di presa in carico comunitaria presuppone, sul piano gestionale l’introduzione di una flessibilità nei percorsi assistenziali, anche attraverso un modello integrato pubblico-privato sociale, per le attività terapeutiche domiciliari e abitative, di sostegno socio-familiare, formativo e socio-lavorativo, nel quale il servizio pubblico continui a mantenere la responsabilità e la titolarità del servizio e l’utente il ruolo di protagonista della sua vicenda esistenziale Spetta al DSM, di concerto con i Servizi Sociali del Comune di residenza del cittadino, elaborare metodologie che siano di sostegno allo sviluppo e alla fornitura di servizi socio sanitari integrati e alla creazione di una rete di connessione distrettuale confrontandosi con il privato sociale e imprenditoriale costruendo la co-gestione dei progetti terapeutici riabilitativi individualizzati, con la partecipazione diretta dei protagonisti destinatari dei servizi, delle famiglie, del mondo associativo e del volontariato.

Il PTI, così inteso, è la trasformazione delle cure e della riabilitazione in un progetto individuale di autonomia e capacitazione del soggetto, in grado di assicurare all’interessato un progressivo ed idoneo reinserimento nel tessuto sociale. Sarà compito del DSM, supportato anche dai Servizi Sociali del Comune, coordinare la redazione dei PTI relativi agli utenti di propria competenza.

Per approfondire l'argomento di seguito la lezione del dott. Raffaele Barone -psichiatra psicoterapeuta e gruppoanlista - Teoria e pratica del badget di salute - presentata nel corso di formazione CEFPAS- DSM

CLICCA QUI

14185860